Rss

FORMIA – Campo Pozzi all’Acervara. Firmato il compromesso, i nuovi scavi possono iniziare

“E’ stato sottoscritto il compromesso tra Acqualatina e i proprietari dei terreni in zona Acervara. Questo vuol dire che i lavori per la realizzazione di due nuovi pozzi potranno iniziare nei prossimi giorni”. A dichiararlo è il Sindaco Sandro Bartolomeo all’esito del confronto tenutosi questa mattina presso il Comune di Formia con l’Ing. Ennio Cima di Acqualatina.

“Il Comune ha svolto un’azione di facilitazione per il raggiungimento di un accordo equo – spiega il primo cittadino -. Tra pochi giorni Acqualatina avrà la disponibilità dei terreni dove iniziare i lavori per immettere in rete ulteriori 100 litri al secondo, con cui potremmo risolvere definitivamente l’emergenza. Entro la prossima primavera dovremmo poter contare su 6 pozzi e una portata di circa 300 lt/s, una riserva strategica per contenere la siccità della prossima estate”.

“Ora si tratta di velocizzare l’iter amministrativo presso la Provincia di Latina per autorizzare immediatamente gli scavi – commenta l’Assessore alla sostenibilità urbana Claudio Marciano -. I lavori dureranno circa due mesi, anche se faremo di tutto affinché siano più celeri. Nel frattempo i finanziamenti concessi dalla Regione per l’emergenza ci consentono di attivare delle navi cisterna, che potrebbero far affluire sulla rete ulteriori 30 lt/s. Per garantire l’attracco ed una immissione senza troppe perdite è necessario rifare la rete di adduzione dal Molo Vespucci, un lavoro finanziabile con i fondi regionali e dalla durata molto breve. L’obiettivo è di portare in tutta la città la chiusura entro le 22”.

“Questi lavori – prosegue l’Assessore Marciano – sono propedeutici per il rifacimento della rete idrica, prioritaria soluzione al problema siccità, ma i cui effetti positivi sono percepibili a lungo termine. Sono in corso i lavori di valutazione delle offerte dell’appalto da cinque milioni di euro per recuperare circa 120 lt/s entro dodici mesi. Ne servono altri 10, che dovranno essere autorizzati dall’Ato nella prossima revisione del piano investimenti, per garantire a Formia e a tutto il Sudpontino il recupero di 300 lt/s entro un paio d’anni”

“Il nostro no ai dissalatori rimane fermo e irremovibile – conclude il Sindaco -. I fondi che la Regione ha destinato a questo scopo, circa 1,5 milioni di euro, chiederemo siano riconvertiti in interventi di rifacimento della rete idrica o, se non è possibile, in ulteriori interventi lenitivi come navi cisterna e autobotti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Anti-spam image

Radio Tirreno Centrale is Spam proof, with hiddy