Rss

Archives for : News

Venerdì 10 novembre 2017, il prefetto di Latina S.E. Pierluigi Faloni, ha incontrato il personale della 4ᵃ Brigata Telecomunicazioni e Sistemi per la Difesa Aerea e l’Assistenza al Volo di Borgo Piave e del 70° Stormo di Latina

Accolto dal Generale di Brigata Vincenzo Falzarano comandante la 4ᵃ Brigata, e dal Colonnello Luca Vitali comandante del 70° Stormo, il prefetto ha dedicato una visita ai militari in azzurro manifestando parole di vivo apprezzamento e sottolineando l’importante compito che il personale dell’Aeronautica Militare ha svolto quotidianamente, con straordinaria professionalità e dedizione, durante il suo mandato. Il dottor Faloni, inoltre, ha voluto ringraziare i presenti per la competenza e la passione dedicata in occasione delle mostre degli assetti della Forza Armata nelle piazze della città, ulteriore conferma dell’ottima sinergia che si è instaurata tra l’Aeronautica Militare e le istituzioni, legate da un rapporto di stima e fiducia che unisce l’Arma Azzurra e la città di Latina dagli anni ‘30.
Il Generale Falzarano e il Colonnello Vitali, a nome del personale militare e civile delle basi che rappresentano, hanno ringraziato il dottor Faloni per la visita e per le parole dedicate, riconoscendo l’importante servizio svolto dalle istituzioni a favore della collettività, quale strumento di giustizia, ordine e autorità sul territorio pontino.
Al termine dell’incontro, il dottor Faloni ha dedicato un pensiero sull’albo d’onore “…all’Aeronautica militare della provincia di Latina…per la sua encomiabile azione svolta, in favore della nostra patria e della collettività pontina svolta da uomini eccezionali al servizio dello Stato, sempre pronti ad onorare l’Italia”.

L’Ufficiale di Pubblica Informazione e Comunicazione
Magg. AAran Domenico GUARINO

Il figlio di Maometto morto a Gaeta Cem il Principe sfortunato

Siamo nel XV secolo e la trama di questa storia è davvero intricata ed avvincente. Il principe ottomano Cem (o Gem) in Italia più conosciuto come Zizimo, fu il terzo figlio del pascià turco Maometto II. Morto il fratello maggiore, Cem si trovò ad affrontare una durissima lotta contro il primo fratello per la successione al trono. Propose più volte al fratello di dividere l’impero ottomano, proclamandosi a più riprese pascià di Anatolia, dove era stato governatore. Invocò la mediazione dei cavalieri di Rodi, cercando anche una pace tra cristianità e impero ottomano. I cavalieri che lo avevano accolto come ospite di riguardo, corrotti dal fratello, resero Cem prigioniero.

Il povero principe fu poi consegnato al Re di Francia e da questo al Papa. L’ultima parte della sua vita il principe Zizimo la passò così, risultando merce di scambio e di ricatto dei potenti verso l’impero ottomano, guidato dal fratello.

Di solito gli ostaggi si tengono per chiedere qualcosa in cambio di restituzione. In questo caso tutto era al contrario, il Papa veniva pagato per non liberare Cem, che avrebbe comunque destabilizzato il fratello. Arrivato al trono Papa Alessandro VI Borgia questa storia volse al termine.

Zizimo venne ceduto all’imperatore Carlo VIII che scendeva a Napoli anche determinato a sconfiggere l’impero Ottomano. Zizimo però pochi giorni dopo la consegna morì, pare avvelenato. Fine tra l’altro molto plausibile conoscendo i metodi usati più volte dai Borgia in fatto di avvelenamenti. A questo punto la trama si fa fitta, molti autori sostengono che Zizimo morì a Gaeta. Ci sono molti però che indicano come città Velletri, Terracina o Capua.

La prima cosa da sottolineare che le città indicate sono le classiche tappe dell’Appia compiute da chi da Roma raggiunge Napoli. A tal riguardo allora senz’altro più che Gaeta si tratterebbe di Mola di Gaeta.

Un aiuto ulteriore ci arriva da un articolo scientifico dello storico turco Boncuk che oltre a sottolineare la morte prossima a Gaeta ci da ulteriori notizie. La storia ufficiale ci parla dell’imbarazzo delle corti italiane verso gli ottomani per la scomparsa di Cem. Se da vivo era stato un prezioso ostaggio utile a ricatti e trattative internazionali, da morto il povero Principe era scomodo ed imbarazzante. Ad 86 giorni dal rito funebre, tenuto dai suoi servitori, il corpo restò a Gaeta per circa otto anni. A seguito la salma fu trasportata fino a Lecce e dal Re di Napoli finalmente rimandata in Patria. Oggi la sua tomba, affianco a quella dei fratelli, è sistemata nel memoriale della Moschea del Sultano Murad II a Bursia in Turchia.

PRANZO PRO-TELETHON e Ailu (26 Novembre) e Spettacolo teatrale (24 Novembre)

Nell’ambito delle iniziative pro-Telethon 2017 per far avanzare la ricerca biomedica verso la cura delle malattie genetiche, in allegato si invia la locandina relativa al pranzo pro-TELETHON e Ailu che si svolgerà il prossimo 26 Novembre presso il Villaggio Don Bosco di Formia. Tutti i dettagli sono in allegato.
Due giorni prima dell’evento, nella serata del 24 Novembre, sempre al Villaggio Don Bosco si svolgerà lo spettacolo della Compagnia “Il Setaccio” di Maranola

La CNA al fianco delle aziende pontine che vogliono investire nel mercato della Romania.

Tra le azioni previste una due giorni seminariale e l’apertura di due sportelli informativi
con l’istituzione di un forum permanente.
La CNA in collaborazione con la Camera di Commercio di Latina nell’ambito dei suoi
programmi di internazionalizzazione per la promozione delle imprese e delle produzioni del
territorio nei mercati esteri ha organizzato una due giorni di approfondimento e conoscenza sul
mercato delle Romania visto che, proprio quello romeno, risulta essere uno dei mercati che
maggiormente sta attraendo aziende, in particolare europee, e che si sta caratterizzando per tutta
una serie di situazioni a vantaggio delle PMI artigiane. Ad intervenire saranno degli esperti
provenienti direttamente dalla Romania.
Aperti anche due sportelli informativi, uno nell’Area Sud e uno nell’Area Nord della provincia
di Latina, per l’attività di consulenza e per la gestione di un forum permanente dedicato agli
imprenditori che decidono di fare investimenti in Romania.
Oggi, dichiara il direttore della CNA di Latina Antonello Testa, i mercati nazionali diventano
sempre più integrati e a lungo termine sarà difficile per molte aziende sostenere una posizione
competitiva con un modello di business puramente nazionale. Per questo motivo molti
imprenditori, già da tempo, hanno cominciato a considerare la leva internazionale come un
business necessario per evitare che anche sul piano nazionale diminuisca la loro competitività.
Ma mentre le grandi aziende dispongono di strumenti e risorse manageriali per muoversi sui
mercati internazionali per le piccole e medie imprese (PMI) questi cambiamenti rappresentano
una sfida importante e molte volte difficile da affrontare, prosegue Testa, ed in questo senso la
CNA di Latina mette a disposizione del tessuto imprenditoriale del territorio una due giorni
seminariale per favorire ed informare le PMI artigiane pontine sulle opportunità di profitto
peculiari della Romania.
L’obiettivo, quindi di questa azione, conclude Testa, è quello di favorire la conoscenza dei driver
di profitto con cui le PMI artigiane locali, nonostante la loro dimensione, possano investire
consapevolmente in un mercato estero vicino, caratterizzato da notevoli vantaggi derivanti dalla
loro particolare condizione socio economica.
Ad esprimere la sua soddisfazione anche la presidente della CNA, Roberta D’Annibale, che
sottolinea come questa azione segue i precedenti progetti già realizzati da CNA con grande
successo in particolare in Polonia.
Confederazione Nazionale dell’Artigianato e della Piccola e Media Impresa
Confederazione Nazionale
dell’Artigianato e della Piccola
e Media Impresa
Associazione di Latina
Viale Pier Luigi Nervi 258/L – 04100 Latina
Telefono 0773 60.59.93-4 Fax 0773 60.46.03
Sito internet: www.cnalatina.it e-mail: info@cnalatina.it
Alla due giorni seminariale, che si terrà il 16 e 17 novembre a Gaeta, in via Montegrappa 57 c/o
l’Aula Magna dell’Osservatorio economico OESCMI , interverranno:
Dott.sa Doina COCIORVEI
– già direttore generale della Confederazione della Piccola e Media Impresa di Romania
(CNIPMMR)
– esperta nelle strategie e politiche della piccola e media impresa industria e artigianato
– esperta internazionale nel management di affari e progetti europei
– consulente nei finanziamenti delle imprese
– ex dirigente bancario
– formatore, esperta progetti europei, valutatore , esperta acquisizioni pubbliche.
Dott.sa Luiza NISTOR
– esperta internazionale finanziamenti nazionali e internazionali
– esperta progetti dai fondi strutturali europei
– esperta misure attive e progetti per il mercato di lavoro
– esperta internazionale nei progetti educazione e integrazione nel mercato di lavoro
– esperta politiche e diritto pubblico
– esperta acquisizioni pubbliche
Dott.ssa Liliana-Olivia Enachescu
– esperta nelle strategie e politiche della piccola e media industria e artigianato
– esperta internazionale nel management di affari e progetti europei
– esperta acquisizioni pubbliche
Avvocato Florina Daniela RAMBA
– avvocato diritto commerciale
– esperta legislazione imprese e artigiani
– esperta diritto tributario
– consulente fiscale
– esperta progetti europei
Confederazione Nazionale dell’Artigianato e della Piccola e Media Impresa
Confederazione Nazionale
dell’Artigianato e della Piccola
e Media Impresa
Associazione di Latina
Viale Pier Luigi Nervi 258/L – 04100 Latina
Telefono 0773 60.59.93-4 Fax 0773 60.46.03
Sito internet: www.cnalatina.it e-mail: info@cnalatina.it

Comunicato del sindaco su i campi sportivi

Come da impegno assunto con la Città e il mondo dello sport, questa Amministrazione Comunale, ha messo ancora una volta la “pezza” all’ennesima falla prodotta dall’incuria della precedente amministrazione guidata dall’ex Sindaco Patrizia Gaetano e dai suoi alleati.
Nel giro di neanche un mese, invece, la nostra Amministrazione Comunale ha provveduto a rendere agibili i campi sportivi del nostro paese che erano sprovvisti di tutti i certificati di conformità e di agibilità e, questo, nonostante fossero stati spesi fondi pubblici per sistemarli così come la stessa minoranza ha sempre dichiarato.
Debbo, inoltre, sottolineare che l’attuale minoranza non brilla certo per rispetto nei confronti delle istituzioni visti anche i toni che spesso usa per esternare fatti che poi non rispondono neanche al vero dimostrando di caratterizzarsi non tanto come classe dirigente ma piuttosto come come banda Bassotti a cui è stato sottratto l’osso.
In ogni caso, a breve, dimostreremo come stanno le cose e chiederemo a loro: dove erano quando si spendevano fondi pubblici per sistemare questi campi sportivi per i quali non ci risulta essere stata rilasciata nessuna certificazione di agibilità come previsto dalle norme attuali.
Su questo argomento andremo fino in fondo senza escludere nessuna azione e poi vedremo davanti a quali tipo di responsabilità saranno chiamati a rispondere.

nuovo singolo di ZIBBA – QUELLO CHE VUOI

Atmosfere black circondano il primo singolo estratto dal nuovo album ‘Le Cose’, in uscita a febbraio 2018 “Quello che vuoi” rappresenta l’inizio di un nuovo percorso per Zibba, anticipando la pubblicazione di “Le Cose”, ottavo album del cantautore.
Una canzone d’autore dai toni scuri, con un sound assolutamente black e un mantra da ripetere all’infinito. “Questa canzone è quella che mi ha dato l’idea del disco. L’idea del suono che avrebbe dovuto avere. Racconta molte cose dietro poche semplici frasi. Racconta la malinconia e l’amore come se fossero la stessa cosa”. Zibba

Castelforte l’Amministrazione Comunale intitolerà il largario sottostante la Chiesa parrocchiale di San Giovanni Battista alla memoria di Vittorio Bachelet,

Domenica prossima, in occasione della Festa del 150° anniversario della fondazione dell’Azione Cattolica, l’Amministrazione Comunale intitolerà il largario sottostante la Chiesa parrocchiale di San Giovanni Battista alla memoria di Vittorio Bachelet, presidente dell’Azione Cattolica dal 1964 al 1973 e poi assassinato dalle Brigate Rosse in un agguato alla Sapienza dove era docente. La decisione assunta dalla Giunta Comunale accoglie una richiesta del parroco don Fabio Gallozzi.

“Abbiamo accolto con favore -dice il Sindaco Giancarlo Cardillo- la proposta del parroco don Fabio Gallozzi. Vogliamo cercare di scoprire la targa dedicata a Vittorio Bachelet, giurista, politico e professore universitario domenica prossima, in occasione della Festa che l’Azione Cattolica diocesana sta organizzando proprio a Castelforte. Un appuntamnto -conclude il Sindaco Cardillo- che vedrà la partecipazione di oltre 3000 ragazzi e che coinvolgerà tutta la città”.

All’evento sarà presente anche l’Arcivescovo di Gaeta Mons. Luigi Vari e saranno allestiti vari stand in tutto il centro storico. Sarà una grande manifestazione con la quale l’Azione Cattolica della diocesi ricorderà i suoi 150 anni di vita e che si concluderà con una solenne celebrazione eucaristica in Piazza Vittorio Emanuele.

La Giunta Comunale ha anche deliberato di apporre una targa alla memoria di Henry Di Spirito pittore e scultore, nato a Castelforte il 2 luglio 1898 e morto a Utica-New York il 23 febbraio 1995 le cui opere sono presenti in vari musei e collezioni private negli Stati Uniti d’America. Orazio Erasmo Di Spirito, in arte Henry dopo aver servito la Patria nella Grande Guerra, nel 1921 è emigrato negli Stati Uniti dove la cura e la passione per la pittura e la scultura lo ha portato ad essere docente all’Utica College di New York. All’età di 91 anni è stato insignito del titolo di Dottore Honoris Causa in lettere umanistiche.

Visita a Castelforte dell’assessore Buschini

Questa mattina il Sindaco Giancarlo Cardillo, l’assessore Luigi Tucciarone e il consigliere comunale delegato all’ambiente Vincenzo Fusco hanno accolto in Comune l’assessore regionale all’ambiente e ai rifiuti Mauro Buschini per esaminare le problematiche più attuali legate alle tematiche della salvaguardia dell’ambiente con particolare riferimento alla questione dei rifiuti.
“Sono stato contento -dice il Sindaco Giancarlo Cardillo- della visita dell’amico assessore Buschini che ci ha confortato rispetto alle politiche che il nostro Comune sta perseguendo sulla tematica dell’ambiente e dei rifiuti. Questo ci lascia per sperare per il prossimo futuro soprattutto in relazione a possibili finanziamenti che abbiamo richiesto rispondendo a specifici bandi emanati dalla Regione Lazio”.
L’incontro è stato molto importante e significativo perché si è concentrato specificatamente sulle azioni intraprese dall’Amministrazione Comunale in un settore così importante della vita cittadina.
“Ho avuto occasione -dice il delegato all’ambiente Vincenzo Fusco- di raccontare nei dettagli come ci stiamo muovendo anche per cercare di rispettare le linee guida dettate in tema di rifiuti e di illustrare le due richieste di finanziamento presentate alla Regione. La prima riguarda la possibilità di creare delle isole ecologica e la seconda riguarda il compostaggio di comunità e tutte le buone pratiche previste e che una volta a regime potranno portare notevoli benefici sia a favore dell’ambiente che della sua tutela sia ai cittadini per possibili risparmi di spesa. Infine -conclude Fusco- ho avuto occasione di comunicare anche il lavoro che stiamo facendo per entrare nel nuovo sistema della raccolta puntuale”.
Anche l’Assessore Buschini è rimasto molto soddisfatto di aver appreso lo stile e l’approccio con il quale il Comune di Castelforte si sta muovendo in un settore così delicato e complesso come quello dei rifiuti.

FORMIA – Reflui depuratore nel rio Santa Croce, Bartolomeo: “Fatto di una gravità inaudita”

“Notizia di una gravità inaudita”. Il Sindaco Sandro Bartolomeo commenta così l’esito dell’ispezione condotta sul rio Santa Croce da Capitaneria di Porto, Forestale e Vigili Urbani. “Qualora dovesse corrispondere al vero che il depuratore di Formia scarica il troppo pieno nel fiume di Gianola – commenta il primo cittadino -, Acqualatina non dovrà solo provvedere immediatamente a risolvere il problema. Dovrà spiegarci come sia stato possibile smaltire reflui in questo modo, senza peraltro avvertire in alcun modo l’Amministrazione comunale. Plaudo all’iniziativa intrapresa congiuntamente dalle tre forze. Ci chiediamo quali possano essere state le motivazioni di un comportamento tanto superficiale da parte di Acqualatina”.

FORMIA – Selezione per il nuovo cda di Acqualatina, contrario Bartolomeo: “Obiettivo ripubblicizzazione. E’ il momento di unire, non di dividere”

“Puntiamo alla ripubblicizzazione del servizio idrico. Generare divisioni nel fronte dei sindaci è un’operazione miope che rischia di compromettere l’obiettivo”. Il Sindaco di Formia Sandro Bartolomeo esprime così la sua netta contrarietà alla proposta di avviare una selezione per la scelta del nuovo consiglio di amministrazione di Acqualatina.

“Ho espresso le motivazioni del mio no in una nota inviata al primo cittadino di Latina – spiega Bartolomeo -. Dopo anni di divisioni sull’assetto strutturale di Acqualatina i sindaci sono arrivati a chiedere in modo compatto la pubblicizzazione della società. Non a caso quattro sindaci, tra cui quelli di Latina, di Cisterna che è anche presidente della Provincia, quello di Fondi e il sottoscritto sono stati incaricati di seguire da vicino i passaggi per una possibile pubblicizzazione del servizio. Non credo che oggi abbia senso rompere questo fronte e riaprire di fatto nella società uno schieramento politico che rischia di indebolire lo stesso obiettivo della pubblicizzazione. Quello del rinnovo del cda in una fase in cui il nostro obiettivo è di ben altra portata, rompendo, ripeto, il fronte compatto dei sindaci, mi sembra un’operazione miope ed è questo il motivo per il quale non sottoscriverò la richiesta”.

“In questa fase – prosegue Bartolomeo – mi sento molto più impegnato con i sindaci dell’Ato 4 ad accelerare quanto più possibile il processo di ripubblicizzazione e, più nello specifico, a lavorare ora per quelle soluzioni che dovranno impedire il ripetersi della drammatica situazione che tuttora stiamo vivendo nel sud della provincia. Naturalmente, intendo farlo con tutti i sindaci del comprensorio, di qualsiasi colore politico, perché la sofferenza delle nostre comunità è stata la stessa e mai come in questa fase sento il bisogno di unire e non di dividere”.

Radio Tirreno Centrale is Spam proof, with hiddy