Rss

Archives for : News

Via del Colle: partono i lavori per la messa in sicurezza e l’ampliamento della sede stradale

Gaeta, 17 febbraio 2018. Apre lunedì 19 febbraio p.v. il cantiere che realizzerà la messa in sicurezza della strada vicinale Via del Colle, arteria principale di collegamento tra questa zona ed il centro urbano, nel tratto da Via Cuostile a Via dei Canali.
“Un intervento atteso da oltre 20 anni, che scrive una pagina nella storia urbanistica della città di Gaeta – dichiara il Sindaco Cosmo Mitrano – abbiamo raccolto un’istanza forte della popolazione residente in questa zona periferica che sta vivendo una grande espansione demografica. Mettiamo così la parola fine ad un grave problema che per troppi anni ha reso la vita difficile agli abitanti di Via del Colle, basti pensare che la strettoia esistente addirittura non consente il passaggio dei mezzi di soccorso. Un problema rilevato e seguito con attenzione dal Consigliere Marco Di Vasta quando nello scorso mandato era delegato alle periferie, a cui va un sincero ringraziamento per l’impegno che sempre rivolge alle problematiche del territorio. L’allargamento del tratto di strada in questione migliorerà la viabilità garantendo sicurezza ai cittadini. Sempre più decisi continuiamo, dunque la strada intrapresa finalizzata alla risoluzione dei problemi del territorio ed miglioramento complessivo della vivibilità cittadina. Sulla scia del nostro primo mandato, proseguiamo, nella realizzazione di interventi di sistemazione e riqualificazione in diverse zone periferiche di Gaeta, rispondendo a criticità esistenti da troppo tempo sul nostro territorio. Lavori non solo inerenti la viabilità ma anche l’arredo urbano, le aree verdi, le opere di urbanizzazione primaria. Diverse azioni sono in fase di progettazione, altre sono state progettate e a breve vedranno l’inizio dei lavori”.
I lavori di messa in sicurezza in Via del Colle, nel suddetto tratto, finanziati da fondi comunali, consisteranno nell’allargamento della sede viaria, nel potenziamento della segnaletica stradale verticale e orizzontale e nella sistemazione dell’illuminazione pubblica.“ Questo intervento – conclude il Primo Cittadino – rappresenta un segno tangibile di grande operatività e vicinanza della nostra  Amministrazione alle zone periferiche di solito poste in secondo piano . Ribadisco il nostro impegno a mantenere alta la guardia sulle criticità del nostro territorio e sulle istanze dei cittadini al fine di rafforzare quel percorso di rinnovamento e riqualificazione delle periferie cittadine, iniziato già nel primo mandato e che oggi continua con grande determinazione “

Via del Colle: partono i lavori per la messa in sicurezza e l’ampliamento della sede stradale

Gaeta, 17 febbraio 2018. Apre lunedì 19 febbraio p.v. il cantiere che realizzerà la messa in sicurezza della strada vicinale Via del Colle, arteria principale di collegamento tra questa zona ed il centro urbano, nel tratto da Via Cuostile a Via dei Canali.
“Un intervento atteso da oltre 20 anni, che scrive una pagina nella storia urbanistica della città di Gaeta – dichiara il Sindaco Cosmo Mitrano – abbiamo raccolto un’istanza forte della popolazione residente in questa zona periferica che sta vivendo una grande espansione demografica. Mettiamo così la parola fine ad un grave problema che per troppi anni ha reso la vita difficile agli abitanti di Via del Colle, basti pensare che la strettoia esistente addirittura non consente il passaggio dei mezzi di soccorso. Un problema rilevato e seguito con attenzione dal Consigliere Marco Di Vasta quando nello scorso mandato era delegato alle periferie, a cui va un sincero ringraziamento per l’impegno che sempre rivolge alle problematiche del territorio. L’allargamento del tratto di strada in questione migliorerà la viabilità garantendo sicurezza ai cittadini. Sempre più decisi continuiamo, dunque la strada intrapresa finalizzata alla risoluzione dei problemi del territorio ed miglioramento complessivo della vivibilità cittadina. Sulla scia del nostro primo mandato, proseguiamo, nella realizzazione di interventi di sistemazione e riqualificazione in diverse zone periferiche di Gaeta, rispondendo a criticità esistenti da troppo tempo sul nostro territorio. Lavori non solo inerenti la viabilità ma anche l’arredo urbano, le aree verdi, le opere di urbanizzazione primaria. Diverse azioni sono in fase di progettazione, altre sono state progettate e a breve vedranno l’inizio dei lavori”.
I lavori di messa in sicurezza in Via del Colle, nel suddetto tratto, finanziati da fondi comunali, consisteranno nell’allargamento della sede viaria, nel potenziamento della segnaletica stradale verticale e orizzontale e nella sistemazione dell’illuminazione pubblica.
Per il Consigliere Di Vasta “Si tratta di un intervento che rappresenta un segno tangibile di grande operatività e vicinanza dell’attuale Amministrazione alle zone periferiche di solito poste in secondo piano. Ringrazio vivamente il Sindaco Mitrano per l’attenzione sempre posta a queste problematiche. Dal mio canto in qualità di consigliere comunale confermo il mio impegno a mantenere alta la guardia sulle criticità del nostro territorio e sulle istanze dei cittadini al fine di rafforzare quel percorso di rinnovamento e riqualificazione delle periferie cittadine, iniziato già lo scorso mandato e che oggi continua con grande determinazione”.

Dispositivo per messaggi politici autogestiti a pagamento su Radio Tirreno Centrale

Tele Radio Tirreno Centrale Coop. a r.l.
Via A. Fusco ,snc
04021 Castelforte (LT) c.a.p. 04021
Tel. 0771/608644 Segr./Fax 0771/607331
Sms ed Mms 340-6072844
Sito web: www.radiotirrenocentrale.it
E-Mail: rtc@radiotirrenocentrale.it
pec: trtc@pec.it

Dispositivo per messaggi politici autogestiti a pagamento

METTIAMO A CONOSCENZA TUTTI I CANDIDATI ALLE POLITICHE NAZIONALI E REGIONALI DEL 4 MARZO 2018, CHE RADIO TIRRENO CENTRALE TRASEMTTERE MESSAGGI A PAGAMENTO AUTOGESTITI NEI SEGUENTI CONTENITORI :

ORARI: 06:40 / 07:40 / 10:10 /13:10 /15:40 / 16:10 / 17:10 /19:10 / 20:40 / 21:40

CON UN SISTEMA DI ROTAZIONE ALL’INTERNO DEGLI ORARI.

COSTO DELLO SPOT RADIOFONICO 2 € CAD. UNA DURATA MASSIMA 90”

LO SPOT RADIOFONICO ,DA VOI REGISTRATO , VA INVIATO VIA MAIL IN FORMATO MP3 AL SEGUENTE INDIRIZZO RTC@RADIOTIRRENOCENTRALE.IT OPPURE AL PEC TRTC@PEC.IT
ALMENO QUATTRO GIORNI PRIMA DELLA TRASMISSIONE E DOPO AVVENUTO PAGAMENTO TRAMITE BONIFICO AL SEGUENTE IBAN:
IBAN IT 57 Q 08738 74190 000000002939

I PREZZI SONO DA CONSIDERARSI ESCLUSO IVA AL 4%

per contattare il responsabile cell. 3471227414

Risanamento delle reti nei Comuni di Castelforte e SS Cosma e Damiano:

operazioni di allaccio di una nuova condotta adduttrice di circa 850 metri.
Nell’àmbito di tali lavori, verrà effettuata un’interruzione idrica, a Castelforte e SS Cosma
e Damiano, dalle ore 08:30 alle ore 16:30 di mercoledì, 31 gennaio 2018.
Nella giornata di mercoledì, 31 gennaio 2018, saranno completate le operazioni di allaccio delle
condotte distributrici esistenti a una nuova condotta adduttrice di circa 850 metri, nei Comuni di
Castelforte e SS Cosma e Damiano. I lavori fanno seguito ad altri interventi tecnici, eseguiti nei
giorni scorsi.
Tali operazioni sono propedeutiche all’allaccio delle singole utenze, che avverrà nei prossimi
giorni.
Nell’àmbito di tali lavori, dalle ore 08:30 alle ore 16:30 del 31/01/18, si effettuerà un’interruzione
idrica nelle seguenti vie:
Via delle Terme e traverse collegate e Via per Maiano e traverse collegate – per Castelforte
Via Baracca e traverse collegate – per SS Cosma e Damiano
A servizio dell’utenza, per tutta la durata dei lavori, sarà disponibile un servizio sostitutivo a
mezzo autobotte in Via F. Baracca (Loc. S. Lorenzo), a SS Cosma e Damiano.
Sarà cura di Acqualatina fornire tempestive informazioni in caso di imprevisti.
Risanamento delle reti nei Comuni di Castelforte e SS Cosma e Damiano: operazioni di allaccio di una nuova condotta adduttrice di circa 850 metri.

Nell’àmbito di tali lavori, verrà effettuata un’interruzione idrica, a Castelforte e SS Cosma e Damiano, dalle ore 08:30 alle ore 16:30 di mercoledì, 31 gennaio 2018.

Nella giornata di mercoledì, 31 gennaio 2018, saranno completate le operazioni di allaccio delle condotte distributrici esistenti a una nuova condotta adduttrice di circa 850 metri, nei Comuni di Castelforte e SS Cosma e Damiano. I lavori fanno seguito ad altri interventi tecnici propedeutici, eseguiti nei giorni scorsi.

Tali operazioni sono propedeutiche all’allaccio delle singole utenze, che avverrà nei prossimi giorni.

Nell’àmbito di tali lavori, dalle ore 08:30 alle ore 16:30 del 31/01/18, si effettuerà un’interruzione idrica nelle seguenti vie:

· Via delle Terme e traverse collegate e Via per Maiano e traverse collegate – per Castelforte

· Via Baracca e traverse collegate – per SS Cosma e Damiano

A servizio dell’utenza, per tutta la durata dei lavori, sarà disponibile un servizio sostitutivo a mezzo autobotte in Via F. Baracca (Loc. S. Lorenzo), a SS Cosma e Damiano.

Sarà cura di Acqualatina fornire tempestive informazioni in caso di imprevisti.

Il Comitato spontaneo di Cittadini del Basso Lazio – Formia scrive

Egregio Presidente Zingaretti,
Con il decreto del 15 dicembre 2017 la Sua amministrazione decideva lo stanziamento di molti milioni di euro per la
risoluzione della carenza idrica nel Sud Pontino. Stanziamenti che (pensando forse di farci felici) prevedono
l’installazione di quattro dissalatori sul territorio di Formia.
Nel 2010 una legge ad hoc dichiarava il Golfo di Gaeta “area sensibile sotto il profilo ambientale”. Nel 2017 il Suo decreto
annulla tutto ciò, avvalorando la tesi del gestore privato, che propone l’installazione di un impianto che scaricherà in
mare i suoi scarti. Il sale e gli altri residui del filtraggio, infatti, se vengono gettati in mare, aumentano a dismisura la
salinità delle acque e stravolgono la vita marina.
Quella dei dissalatori si rivela una via costosa, energivora e potenzialmente inquinante.
Produrre acqua dolce in questo modo, inoltre, distoglie l’attenzione dal crescente impoverimento delle riserve idriche
sotterrane e superficiali e non fa adottare le necessarie misure di conservazione e risparmio.
Tutto ciò ci indigna profondamente e, ancora una volta, fa sentire quanto le istituzioni siano lontane dai reali bisogni e
dalle richieste dei cittadini e come la scarsa conoscenza di un territorio, ricco di bellezze e di storia come il nostro,
permetta che esso venga continuamente deturpato e svilito.
Formia e il suo mare non hanno bisogno di dissalatori.
Le nostre sorgenti sono ricche di acqua e anche nei momenti di maggiore difficoltà sono in grado di sopperire alla
carenza idrica. Quello che manca è la cura, il risanamento e, soprattutto, investimenti atti a sistemare una rete idrica
colabrodo che disperde nelle strade ciò di cui abbiamo bisogno nelle nostre case.
Il decreto da Lei firmato, di fatto, favorisce lo spreco di denaro pubblico e non controlla l’operato di un gestore privato
che a tutt’oggi si è dimostrato incapace e inadempiente nel risolvere e alleviare il grave problema della carenza idrica
che da circa un anno priva i cittadini di un bene così prezioso e indispensabile come l’acqua.
Prenda atto della volontà espressa dai cittadini e dal Consiglio Comunale che all’unanimità si è espresso contro
l’installazione dei dissalatori, ma, soprattutto, ascolti la popolazione di Formia che mai accetterà che impianti impattanti,
inquinanti e non risolutivi dell’emergenza idrica possano imbrattare e distruggere il proprio mare
Con l’arrivo delle prossime elezioni, che La vedono protagonista, i cittadini sapranno scegliere tra coloro che con forza
difendono il bene comune e il territorio da chi, in modo strumentale, favorisce privatizzazioni e trasforma in merce,
soggetta alle leggi di mercato, un bene pubblico primario, come l’acqua.
Il Comitato spontaneo di Cittadini del Basso Lazio – Formia
contatti:
comitatospontaneodicittadinibl@pec.it
comitatospontaneodicittadinibl@gmail.com

Formia emergenza freddo, apertura del centro accoglienza per i senza fissa dimora al molo Vespucci.

È prevista per questa sera l’apertura del centro di accoglienza temporaneo della Croce Rossa Italiana per far fronte all’emergenza freddo e dare riparo ai senza fissa dimora del territorio. Il centro, come negli anni precedenti, è allestito presso il Molo Vespucci del Comune di Formia ed avrà durata trimestrale, da oggi 17 gennaio fino al 31 marzo, con apertura dalle 18:30 alle 8 del mattino.

La struttura, è in grado di ospitare fino a 30 persone, e ogni container – provvisto di 5 brande ciascuno – è adeguatamente riscaldato e dotato di stufe elettriche.

Non solo un dormitorio, ma anche un’area destinata alla refezione, garantiscono ogni giorno un letto e un pasto caldo a coloro che versano in gravi condizioni di disagio economico.

Le operazioni di identificazione delle persone senza fissa dimora da inserire nel centro di accoglienza – ci informa il sig. Antonello Fronzuto addetto stampa della CRI – sono iniziate già due mesi fa, da parte dei volontari dell’Unità Sociale di Strada – una sezione del SASFID Servizio Assistenza ai Senza Fissa Dimora – costituitasi a novembre dell’anno appena trascorso.

I cinque volontari dell’Unità Sociale di Strada hanno provveduto autonomamente all’acquisto di un camper con il quale raggiungono le stazioni ferroviarie di Formia e Minturno e i porti marittimi per la distribuzione di beni di prima necessità – pasti caldi, vestiario invernale e coperte – ai clochard e a coloro che si ritrovano temporaneamente senza dimora.

“Ci teniamo a far diventare il centro anche un luogo di socializzazione e non un mero centro di accoglienza” – dichiara Emilio Donaggio presidente del Comitato della Croce Rossa Italiana Sud Pontino – “Nella nostra squadra c’è anche del personale

specializzato, disponiamo infatti di una psicologa che segue i casi più difficili”.

“Gli utenti del nucleo SASFID instaureranno con i loro ospiti un vero e proprio dialogo e creeranno situazioni per la loro integrazione sociale” – prosegue Emilio Donaggio – “Sono molti gli extracomunitari ed italiani stessi che si ritrovano esclusi ed emarginati dalla società, a seguito di perdita di lavoro o di impossibilità all’integrazione lavorativa, e sarà pertanto una delle nostre premure cercare di ovviare a questa difficile condizione”.

Conclude il presidente Donaggio: “Ci teniamo a sottolineare e a ringraziare il Comune di Formia – che riveste tra l’altro il ruolo di ente capofila del distretto socio sanitario della Provincia di Latina – per l’impegno profuso dal Commissario Straordinario Maurizio Valiante e dai subcommissari il dott. Marcello Zottola e il dott. Antonio Luigi Quarto per l’avvio e il finanziamento stesso dell’attività.

Formia, maggiore ordine e sicurezza pubblica nel territorio dei Comuni del Sud Pontino.

È questo l’ultimo atto del Comune di Formia e della Provincia di Latina: l’approvazione di nuove disposizioni per il potenziamento dei servizi di controllo del territorio in funzione di contrasto a forme di criminalità organizzata e di prevenzione alla criminalità diffusa sulla città di Formia e sul territorio del Sud Pontino.

Ieri, lunedì 15 gennaio, presso la sede comunale di Formia si è tenuta una riunione del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica presieduta dal prefetto di Latina, la dottoressa Maria Rosa Trio.

All’incontro hanno partecipato il Procuratore della Repubblica di Cassino, il Commissario Straordinario di Formia, i Sindaci dei Comuni di Gaeta, Minturno, Itri, Castelforte, S.S. Cosma e Damiano e Spigno Saturnia ed i vertici Provinciali della Polizia, Carabinieri e Polizia di Stato.

Nel corso della riunione si è svolto un esame della situazione dell’ordine e della sicurezza pubblica nel territorio dei Comuni del Sud Pontino, anche a seguito del recente arresto di un latitante appartenente alla criminalità organizzata campana avvenuto a Formia lo scorso venerdì 12 gennaio.

Garantire un’adeguata ed efficiente sicurezza pubblica per il Cittadino è dovere primario del Comune di Formia, e difatti a conclusione dell’approfondito ed articolato esame dell’andamento della criminalità nel territorio del sud pontino, già dalla data di ieri, è stato disposto il potenziamento dei servizi di controllo del territorio in funzione di contrasto a forme di criminalità organizzata, ma anche di prevenzione e contrasto alla criminalità diffusa, quali i furti nelle abitazioni, l’uso e lo spaccio di sostanze stupefacenti.

Il predetto dispositivo di controllo del territorio si avvarrà anche dell’ausilio del Reparto Prevenzione Crimine del Lazio.

Il Prefetto Straordinario del Comune di Formia, il dott. Maurizio Valiante, ha proposto agli amministratori locali Protocolli di Legalità in materia di Sicurezza Urbana e di Controllo di vicinato, ampiamente accolti dai Sindaci presenti, che saranno sottoscritti nelle prossime settimane.

comunicato dei Centristi per Formia, Generazione Formia.

“Chi è causa del suo mal pianga se stesso”. L’ex gruppo consiliare dei “Centristi per Formia” ed il movimento “Generazione Formia” definiscono “lacrime di coccodrillo” quelle versate nei giorni scorsi dall’ex assessore alla sostenibilità urbana e alle Smart city della Giunta Bartolomeo (e si vocifera possibile candidato a sindaco del Partito Democratico alle amministrative della prossima primavera), Claudio Marciano, che aveva denunciato il presunto blocco di parte del sistema informatico dell’ente. “Noi ci poniamo una domanda semplice e banale: ma dov’è stato sinora l’assessore Marciano? Probabilmente si è svegliato da un lungo e pericoloso torpore, si è accorto improvvisamente che non ricopre più l’incarico di assessore e finalmente vede la città con i nostri stessi occhi. Forse, questo, è l’aspetto che, seppur tardivamente, gli fa onore”.

L’innovazione tecnologica ed informatica del comune di Formia – ricordano i “Centristi per Formia” e “Generazione Formia” – è stato un lascito ereditario nel 2013 della precedente amministrazione comunale guidata dal Senatore Michele Forte: “Era stata capace, a differenza dell’ultima – divorata da faide e abbandoni al suo interno – di intercettare importanti finanziamenti comunitari nell’ambito del progetto Plus “Appia via del mare”. Un milione e 100 mila euro dei 10 milioni “piovuti”, attraverso la Regione Lazio, su Formia erano destinati a rendere la città davvero “smart” e digitale ma di “smart” è rimasto solo il nome della delega ricoperta dall’assessore Marciano. Dopo dieci giorni “orfano” della sua poltrona, Marciano denuncia pubblicamente che il nuovo software dell’ufficio l’anagrafe, per esempio, non era dotato delle funzionalità richieste e gli addetti impegnati sono stati costretti ad utilizzare il precedente sistema informatico. Ora siamo interessati a capire, più che mai, che tipo di rendicontazione economica sia stata effettuata su questo atteso investimento che per la comunità si è rivelato un danno ma anche una beffa. L’amministrazione Bartolomeo ha dimostrato, pertanto, tutta la sua inadeguatezza operativa – se fossero confermate anche le ingenerose accuse mosse dall’ex assessore Marciano nei confronti del neo commissario Prefettizio del comune, dottor Maurizio Valiante – a rendere omogenea la banca dati dell’anagrafe con quella degli altri settori dell’ente, ad adeguarla allo stradario esistente in città per rendere finalmente possibile il completamento della toponomastica”

I “Centristi per Formia” e “Generazione Formia”, chiedono di conoscere concretamente come sono stati spesi, nel corso di questi cinque anni, il milione e 100mila euro del “Plus Appia del mare” per l’efficientamento informatico del palazzo comunale e dello stesso territorio comunale: “Adesso lo diciamo noi addio alla revisione della toponomastica, al recupero dell’evasione, ai servizi online integrati con tutto il progetto Smart City, al sistema della pubblicazione in digitale delle determine e delle delibere e al nuovo sito internet del comune mai adottato. Sarebbe molto grave, invece, se l’ex assessore Marciano attribuisse responsabilità su questa cattiva gestione dell’innovazione informatica del comune a presunte forme di sabotaggio del personale interno che, nonostante tutto, continua a svolgere il proprio servizio con professionalità, abnegazione e spirito di sacrificio”.

Insomma l’ex assessore Marciano ha perso “una grande occasione per rimanere in silenzio. Noi siamo concentrati ed impegnati a costruire un’alternativa, seria e credibile, rispetto all’amministrazione Bartolomeo. Ora non è fondamentale individuare il candidato a sindaco ma dar vita ad una squadra di governo i cui partecipanti siano rivestiti, al dei loro ruoli che occuperanno, della stessa responsabilità del primo cittadino con l’obiettivo di far ripartire la città e di rendere Formia finalmente ‘smart’”.

Centristi per Formia, Generazione Formia.

Economia del Mare: grande successo a Gaeta per il convegno organizzato dalla Confederazione Italiana per lo Sviluppo Economico

GAETA – Con il convegno organizzato ieri a Gaeta, sul tema: “Economia del mare e sviluppo territoriale – prospettive, progetti, sinergie”, la Confederazione Italiana per lo Sviluppo Economico (CISE) ha fortemente ribadito la propria mission di ricercare e attuare azioni che siano finalizzate a programmi di investimento per la creazione di imprese, ma anche alla cooperazione tra gli associati per l’ottimizzazione dei servizi all’interno degli agglomerati industriali e nei porti, tenendo sempre presenti, come elementi principali nelle diverse azioni, le buone pratiche di security e di tutela dell’ambiente. Niente più chiacchiere, deleghe a terzi o promesse per un futuro più o meno prossimo, come ha sottolineato il presidente della neonata Confederazione, Avv. Giosy Romano (tra l’altro, presidente dell’Area di Sviluppo Industriale di Napoli e sindaco del Comune di Brusciano), ma azioni concrete volte alla creazione di una vasta area medio-tirrenica che va da Napoli a Gaeta e che miri a concretizzare i concetti della “blue economy”, grazie alla presenza di scali portuali di rilievo, come quello di Gaeta e di Napoli, ma anche di Salerno, che vanno ovviamente potenziati, soprattutto per quanto riguarda le dimensioni dell’interporto e la movimentazione intermodale. In tale ottica, un contributo tangibile potrebbe venire dalle Z.E.S., zone economiche speciali, la cui legge istitutiva e la cui applicazione, relativamente al nostro territorio, è ancora tutta da verificare e che, comunque, non possono e non debbono essere viste come la panacea di tutti i mali che affliggono la portualità locale ed il mancato sviluppo del comprensorio. Il pericolo che il basso Lazio resti ancora una volta escluso da interventi ed incentivi statali e comunitari è stato, invece, evidenziato dal presidente del Consorzio per lo Sviluppo Industriale del Sud Pontino, Avv. Salvatore Forte, il quale, nel suo intervento “Il Lazio meridionale porta del mezzogiorno”, ha appunto sottolineato come Gaeta ed il sud pontino, con Caserta e parte del napoletano, che, guarda caso, comprendeva anche il Comune di Brusciano, hanno costituito, per secoli, un unico territorio riunito nella provincia di “Terra di Lavoro”. “In assenza di atti concreti che ci mettano in grado di operare con dignità e certezze, sulla base del lavoro che stiamo portando avanti, unitamente ai partner della Cise, ha quindi aggiunto il presidente Forte, non vorremmo arrivare a chiedere un’adesione del nostro territorio alla regione Campania, abbandonando il Lazio ed una Regione sempre più romano-centrica”. I lavori del convegno, moderato dall’Avv. Angelo Caliendo, consigliere dell’Eurispes, sono stati aperti dal sindaco di Gaeta, Cosmo Mitrano, il quale ha ribadito esigenze ed aspettative della città, in relazione al suo porto, che rappresenta la prima risorsa dell’economia locale. Sono quindi intervenuti l’Avv. Maurizio D’Amico, segretario generale dell’Advisory Board della Federazione mondiale zone franche ed economiche speciali, il quale ha disquisito in maniera dettagliata e con un valido supporto tecnico, delle Z.E.S., seguito dal Prof. Ennio Forte, professore emerito dell’Università Federico II di Napoli ed attualmente, dell’Università telematica Pegaso, il quale ha parlato su “La trasversalità e l’importanza dei porti intermedi”. Un tema, questo che ha rappresentato il cuore del dibattito, con gli interventi ulteriori dell’Avv. Francesco Maria di Majo, presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Centro Settentrionale e dell’ex presidente dell’Autorità portuale Civitavecchia-Gaeta-Fiumicino, Gianni Moscherini, particolarmente – ed a ragione – polemico, nei confronti delle scelte legislative e della riforma dei porti ideata dall’attuale Governo. Infine, la presidente dell’Area di Sviluppo Industriale di Caserta, dott.ssa Raffaela Pignetti, nel suo intervento, concordando con i colleghi Forte e Romano, ha ribadito la necessità di “una piattaforma unica per lo sviluppo dell’area medio-tirrenica”. Le conclusioni sono state del presidente della Cise, Giosy Romano il quale ha sottolineato i risultati già raggiunti dalla Confederazione, nonostante il breve periodo di operatività, a cominciare dagli accordi stipulati con diversi Paesi esperi per riproporre il format del “Med Festival Experience” e dal protocollo d’intesa sottoscritto con il Ministero degli Interni, che ha riconosciuto la CISE quale soggetto attuatore del PON (Programma Operativo Nazionale) Legalità 2014-2020 delle cinque regioni meridionali, Campania, Calabria, Puglia, Basilicata e Sicilia.

Venerdì 10 novembre 2017, il prefetto di Latina S.E. Pierluigi Faloni, ha incontrato il personale della 4ᵃ Brigata Telecomunicazioni e Sistemi per la Difesa Aerea e l’Assistenza al Volo di Borgo Piave e del 70° Stormo di Latina

Accolto dal Generale di Brigata Vincenzo Falzarano comandante la 4ᵃ Brigata, e dal Colonnello Luca Vitali comandante del 70° Stormo, il prefetto ha dedicato una visita ai militari in azzurro manifestando parole di vivo apprezzamento e sottolineando l’importante compito che il personale dell’Aeronautica Militare ha svolto quotidianamente, con straordinaria professionalità e dedizione, durante il suo mandato. Il dottor Faloni, inoltre, ha voluto ringraziare i presenti per la competenza e la passione dedicata in occasione delle mostre degli assetti della Forza Armata nelle piazze della città, ulteriore conferma dell’ottima sinergia che si è instaurata tra l’Aeronautica Militare e le istituzioni, legate da un rapporto di stima e fiducia che unisce l’Arma Azzurra e la città di Latina dagli anni ‘30.
Il Generale Falzarano e il Colonnello Vitali, a nome del personale militare e civile delle basi che rappresentano, hanno ringraziato il dottor Faloni per la visita e per le parole dedicate, riconoscendo l’importante servizio svolto dalle istituzioni a favore della collettività, quale strumento di giustizia, ordine e autorità sul territorio pontino.
Al termine dell’incontro, il dottor Faloni ha dedicato un pensiero sull’albo d’onore “…all’Aeronautica militare della provincia di Latina…per la sua encomiabile azione svolta, in favore della nostra patria e della collettività pontina svolta da uomini eccezionali al servizio dello Stato, sempre pronti ad onorare l’Italia”.

L’Ufficiale di Pubblica Informazione e Comunicazione
Magg. AAran Domenico GUARINO

Radio Tirreno Centrale is Spam proof, with hiddy