Rss

Archives for : Iniziative

LA CULTURA È TUTTO ESISTERE È RESISTERE

Lo scorso 22 ottobre Stefano Massini è intervenuto a Piazzapulita in onda su La7. Sono stati sette minuti di fuoco, di chiarezza, splendidi, in una parola.

Se non l’avete visto, vi riassumiamo qui i punti salienti e se ne avete voglia vi lasciamo il link per vedere l’intero intervento.

«[…] Quanto è bello che nella gerarchia delle priorità, che durante il lockdown ha seminato l’idea che tutto quello che è cultura, che è teatro, che è musica, che è danza fosse intrattenimento, sia stata una cosa che invece ha fallito. Non è vero, la gente ne ha bisogno. […]

Io ho deciso di parlarvi di questo stasera perché, vedi, tanta gente mi dice “ma voi che fate le presentazioni dei libri, voi che fate gli spettacoli teatrali, voi che provate a fare delle ‘situazioni culturali’, voi dovreste essere chiusi in un momento in cui i dati sono quelli che sono. Io rispondo di no. […]

Dire la cultura, il teatro ricominceranno quando tutto sarà passato, quando il peggio sarà solo un ricordo, è un’idiozia conclamata come dire che io ho in corso una colica ma in farmacia, a comprarmi l’antidolorifico, ci vado quando la colica mi sarà passata, starò meglio e questa malattia sarà un ricordo. No, tu del farmaco hai bisogno quando stai male e la cultura, la bellezza, il teatro, la poesia, la danza, la musica sono il farmaco, sono il primo vaccino di cui abbiamo bisogno perché la bellezza è quello che ti apre la mente e ti dà il senso critico affinché ciò che stai vivendo non sia vissuto esclusivamente in modo distruttivo ma in modo costruttivo. Questo è il ruolo della cultura.

Nel 1941 quando i nazisti arrivarono fuori da Leningrado e cominciò l’assedio terribile Shostakovich, il grande compositore, fece un discorso in radio, disse “tutto il mondo sappia che nella mia città, qui a Leningrado, si fa la fame, si ha paura, ma i teatri sono aperti, gli scrittori scrivono, i musicisti compongono e noi che siamo artisti non ci sposteremo di un centimetro dal posto in cui siamo, che è il posto in cui l’artista lotta e per questo artista è invincibile. Ecco quanto sarebbe bello che gli artisti, gli scrittori, i musicisti, gli attori, i danzatori italiani, i cantanti italiani, quelli che fanno cinema, quelli che fanno televisione, dimostrassero quanto mai, in questa situazione, che noi siamo consapevoli di essere come diceva Shostakovich, di essere invincibili e come tali vi dico “andiamo avanti, a oltranza”. È una forma di resistenza, avanti! […]

La cultura non deve tacere mai, mai, soprattutto adesso. Mi rivolgo a chi fa questo mestiere nei più diversi linguaggi che possiamo usare. Vi prego, è una forma di resistenza. Noi siamo in questo momento importanti, siamo un servizio al cittadino, all’individuo, all’essere umano. Di noi c’è bisogno. E c’è bisogno di avere una scritta enorme sempre dentro di noi che è questa “esistere è resistere”. E la cultura in Italia e nel mondo, dopo il virus, continuerà a esistere se noi sapremo resistere. […]

Perché la cultura è tutto!»

Ecco, noi saremo presenti, come lo siamo già stati nello scorso periodo di lockdown, e continueremo il nostro lavoro, costi quel che costi. Facciamo resistenza. Voi?

Parlamento: serve un rilancio concreto ora per gli indipendenti in Italia, gli interventi di J -Ax ad Amici e di Giordano Sangiorgi del MEI

«Noi big possiamo permetterci di aspettare anche un anno perché le multinazionali non chiuderanno, mentre le etichette indipendenti non vedono un euro da tempo. Il nostro è un mestiere che ha salvato vite e che ha dato felicità alle persone. Smettiamola di dire che va tutto bene e mi appello al Governo affinché supporti subito le realtà indipendenti».

Sono le parole di J-AX, ospite di Amici Speciali andato in onda lunedì sera in prima serata su Canale 5, dichiarazioni che peraltro arrivano con un timing preciso: in questi giorni il Parlamento sta prendendo in esame gli emendamenti al Decreto Rilancio, emendamenti presentati da diversi coordinamenti di imprese, agenzie, artisti, lavoratori e discografici che sono essenziali per rilanciare concretamente la filiera.

«Parliamo di un maggiore ed immediato sostegno economico al settore nelle proposte che abbiamo già visto fatte da una serie di coordinamenti della musica che hanno lavorato seriamente: bonus a fondo perduto diretto a tutte le piccole e medie realtà che hanno avuto festival e live cancellati, sgravi fiscali e dilazione pagamenti fiscale con un anno di pace fiscale, diminuzione di affitti, qualsiasi misura atta a rimettere in circolo l’economia della musica a favore della filiera dei produttori ed editori, agenzie e booking, festival e contest, club, circoli e discoteche che reinvestono nella musica, tutti gli interventi necessari a garantire il minor peso economico possibile sugli organizzatori e sugli artisti per i prossimi live, compreso il credito d’imposta sui live e l’art bonus, la necessità di allargare la platea dei lavoratori che ricevono i bonus e l’assistenza, la riduzione dell’Iva per tutto il comparto, l’allargamento del Bonus Cultura e Bonus Stradivari per rimettere in circolo l’acquisto degli strumenti musicali e le scuole di musica, l’utilizzo di una parte dei fondi del Vecchio Imaie per produzioni musicali per giovani artisti esordienti per fare ripartire il mercato subito, un patto con la Rai per una maggiore diffusione delle nuove musiche sui canali Rai per un maggiore introito sui diritti d’autore, e tanti altri interventi inderogabili per non perdere la filiera del Made in Italy musicale, una realtà composta da 10 mila imprese piccole, micro e medie, circa 50 mila addetti diretti e circa 300 mila addetti coinvolti indirettamente», dichiara Giordano Sangiorgi, patron del MEI al lavoro con tantissime realtà su queste proposte.

Il Parlamento ora deve ascoltare e votare a favore di tutti questi interventi perchè non può esistere un Rilancio del Paese senza la Musica.

Sito: www.meiweb.it

Lotteria di Carnevale

Carnevale a Castelforte

“Sciuscio gaetano” istituito l’albo dei Sciusci ed il Premio “Sciuscio gaetano di Capodanno”

Gaeta, 10 gennaio 2020. Con la delibera di giunta n. 3 del 9 gennaio 2020 è stato istituito l’albo dei Sciusci ed il Premio “Sciuscio gaetano di Capodanno”. “E’ soprattutto un omaggio – spiega il Sindaco Cosmo Mitrano promotore della proposta di delibera – a tutti coloro che oggi come ieri tramandano una tradizione ben radicata in città. Chi di noi a Gaeta, da ragazzo, non ha trascorso le serate del 31 dicembre girando con gli strumenti tipici dei Sciusci, intonando le canzoni benauguranti da abitazione ad abitazione, da piazza in piazza, dai vicoli del Borgo al centro storico e nel resto della città. L’istituzione dell’albo dei Sciusci ed il premio del Sciuscio gaetano sono quindi finalizzati a creare in primis un archivio storico dei gruppi che avrà uno spazio nel costituendo Museo Civico di Gaeta. Nel contempo andiamo così a valorizzare la creatività artistica giovanile nel solco della tradizione locale con l’intento di ricordare, riscoprire, preservare e diffondere i valori storico-culturali di testi e motivi musicali legati alla tradizione gaetana. Riteniamo – aggiunge il Sindaco – che sia importante preservare la memoria storica di questa tradizione che caratterizza la Città di Gaeta, evidenziando la partecipazione e il coinvolgimento di gruppi musicali che si esibiscono ogni fine anno nonché la tipologia di strumenti e di indumenti che utilizzano, i testi delle canzoni ed ogni altra caratteristica necessaria a dare un profilo identitario a questo evento folcloristico di San Silvestro. Il premio – prosegue Mitrano – sarà assegnato al gruppo musicale che meglio avrà saputo interpretare e custodire la tradizione del canto popolare gaetano nel rispetto della musicalità, dei versi, degli strumenti musicali utilizzati e delle uniformi indossate. Quella sana competizione che tra le varie orchestrine che c’è sempre stata e che fa parte della tradizione folcloristica”.

Il Sciuscio infatti coinvolge molti giovani che intensificano gli incontri per effettuare le prove musicali nel mese di dicembre ma la cui elaborazione con scelta di testi e musiche viene affrontata durante i molti incontri preliminari che si svolgono nel corso dell’anno attraverso lavori di ricerca e di progettazione. Gli amici che compongono il gruppo musicale si riuniscono tutto l’anno in cantine, garage e campagne in modo che ogni incontro diventi un momento di aggregazione unico, che unisce ancora di più i partecipanti del gruppo.

“Riteniamo – conclude il primo cittadino – che sia altrettanto importante preservare la memoria storica di questa tradizione che caratterizza la Città di Gaeta, evidenziando la partecipazione e il coinvolgimento di gruppi musicali che si esibiscono ogni fine anno nonché la tipologia di strumenti e di indumenti che utilizzano, i testi delle canzoni ed ogni altra caratteristica necessaria a dare un profilo identitario a questo evento folcloristico di San Silvestro”.

Nei prossimi giorni, infine, sul sito istituzionale www.gaeta.it saranno disponibili la modulistica da scaricare e compilare e tutti i dettagli per poter aderire alle iniziative illustrate.

NATALE DI SOLIDARIETA’ PER IL ROTARACT CLUB LATINA

Donati giocattoli e libri per allietare il Natale
Un Natale all’insegna della solidarietà quello del Rotaract Club di Latina che anche quest’ anno ha deciso di donare un po’ di serenità ai bambini ricoverati presso il reparto di pediatria dell’Ospedale Santa Maria Goretti di Latina.
Grazie al Primario Dott. Riccardo Lubrano infatti la scorsa domenica soci del Rotaract e del Rotary club Latina si sono recati in ospedale per consegnare i doni ai piccoli pazienti e animare il pomeriggio con Babbo Natale.
Ma l’impegno del Club è stato profuso anche per l’adesione all’ dell’iniziativa “Libera mente, più cultura, meno sbarre” promossa dalla Camera Penale del Tribunale di Latina per la raccolta di libri per la biblioteca della casa Circondariale di Via Aspromonte.
Grazie alla raccolta fondi avviata dal club con la vendita delle stelle di Natale offerte dal vivaio Federico di San Felice Circeo, è stato possibile donare dei libri giuridici, scolastici e di narrativa.
“Donare è forse il più bel regalo che si possa fare non solo a Natale. Una delle nostre vie di azione è il service e sono fiera di rappresentare un club che grazie al sostegno e alla sensibilità di ogni socio con piccoli gesti può fare tanto per la nostra città. Il nostro impegno testimoniato negli anni, sicuramente ci vedrà ancora partecipi ad iniziative di solidarietà per il nostro territorio” Dichiara Rosalba Amelia, Presidente per l’a.s. 2019-2020

Gli Auguri del Sindaco di Castelforte

Cari concittadini,
desidero far giungere a ciascuno di voi il mio pensiero di auguri per il Natale e il Nuovo Anno che arriva. Non vorrei che questo pensiero fosse qualcosa di scontato e di ordinario sento, invece, la necessità e il bisogno di raccontare, ancora una volta, la passione e l’impegno per il bene comune che anima e guida ogni mia/nostra decisione di amministratori.
Ogni giorno dell’anno appena trascorso è stato dedicato a trovare strade giuste e vie nuove per assicurare il meglio alla nostra città. Certo, abbiamo incontrato difficoltà, ostacoli, impedimenti ma, anche grazie all’incoraggiamento che voi ci avete offerto, siamo riusciti a superarli e a pensare al presente con l’occhio rivolto al futuro.
Auguri a voi tutti per un Natale in famiglia e con gli amici da vivere nella pace e in serenità. Le difficoltà non sono mancate e non mancheranno mai ma neanche noi, nessuno di noi, si stancherà di affrontarle e cercheremo di farlo con la massima unità possibile perché siamo convinti, come è giusto che sia, che tutto si supera se restiamo uniti e se riusciamo a mettere da parte odi, rancori, invidie, orgogli e pregiudizi.
Il nostro paese e le nostre famiglie, i nostri giovani, soprattutto, hanno bisogno di unità e di fare fronte comune abbattendo le negatività, i veleni, gli odi e tutto ciò che non aiuta a costruire unità e a vivere l’accoglienza del diverso da noi.
La buona politica è fatta di buone pratiche e collaborazione, di sostegni reciproci con i quali costruire insieme la nostra convivenza nella quale nessuno deve sentirsi escluso o emarginato o messo da parte. Dobbiamo essere inclusivi tra noi e noi con gli altri. Ci sono cose più importanti in cui credere e per le quali lavorare insieme. Un plauso desidero fare a tutte le associazioni e i gruppi che in questo anno hanno assunto iniziative e svolto servizi in collaborazione con il Comune e a favore dei cittadini. Queste sono le cose belle che dobbiamo e vogliamo condividere e rafforzare.
Desidero e mi auguro che il 2020 sia, per davvero, l’anno dell’unità, della responsabilità, della pacificazione operosa. Sono certo che con la buona volontà sapremo realizzare questo ambizioso obiettivo che è la premessa per un vero e solido rilancio della nostra comunità cittadina in un contesto socio-economico e in un tempo sempre più complicato e complesso nel quale vince chi sa unire tutto il buono e il bello che ha dentro e che riesce a veicolare all’esterno.
Buon Natale e Buon 2020 a tutti noi !!!

Giancarlo CARDILLO
Sindaco

Puntuali come ogni sabato con le nuove puntate di Due Minuti Un Libro per la prossima settimana su Radio Tirreno Centrale

Lunedi
M. IL FIGLIO DEL SECOLO, il primo romanzo sul fascismo raccontato attraverso Benito Mussolini: il figlio di un secolo che ci ha reso quello che siamo;

Martedì

IL TUO METABOLISMO, Antonio Moschetta, ordinario di Medicina interna, dedica la propria attenzione ai meccanismi biologici attraverso cui una cattiva alimentazione può contribuire a generare tessuto adiposo in eccesso e a «nutrire» le cellule tumorali. Salute;

Mercoledì

IL NOSTRO MOMENTO IMPERFETTO, la vita non rispetta mai i piani che decidi tu. E Alessandra lo ha scoperto a sue spese e nel peggiore dei modi. Romanzo;

Giovedì

L’ESERCIZIO DEL DISTACCO, una storia d’amore struggente, una scrittura unica. La seduzione del racconto e la densità della poesia;

Venerdì

PECCATO MORTALE, comunque sia il caso, è nella natura di De Luca, va risolto. Sempre. Anche a costo di accettare un compromesso. Giallo;

Sabato

L’ANNO IN CUI IMPARAI A RACCONTARE STORIE, una grande lezione sul bullismo e sulle ingiustizie della vita. Romanzo.

Consultate il calendario aggiornato con Titolo, Autore e Casa Editrice.

Buona radio
Vania
Due Minuti Un Libro

Gaeta e Fagnano alto, un legame d’amicizia sempre più forte

Gaeta 22 maggio 2018. Era la mattina del 6 aprile 2009 quando l’Italia tutta si trovò a dover affrontare il dolore e la devastazione del terremoto che colpì l’Aquila e la sua provincia. Lo sconforto, lo smarrimento, la disperazione per la perdita di vite umane, suscitarono un unanime sentimento di solidarietà e vicinanza alle popolazioni colpite dal sisma. Anche la Città di Gaeta si attivò subito. I volontari della Protezione Civile “la Fenice” furono tra i primi a mobilitarsi occupandosi dell’allestimento di un campo per assistere ed ospitare ben 550 persone nella Città di Fagnano alto, fra le più colpite dal terremoto. Se la terra nell’aquilano ancora oggi trema con scosse di magnitudo inferiori rispetto quelle del 2009, la voglia di ricominciare è forte così come la loro determinazione ad andare avanti nonostante tutto. Una determinazione che scaturisce anche dalla solidarietà come nel caso dell’iniziativa promossa dall’imprenditrice Fulvia Frallicciardi su indicazione di Aldo Baia responsabile della Protezione Civile di Gaeta. La Città di Fagnano alto infatti è stata destinataria di una raccolta fondi finalizzati all’allestimento di una nuova sede della Pro Loco abruzzese che abbraccia ben dieci frazioni. Da allora, il legame d’amicizia che si instaurò tra le due comunità andò col tempo a rafforzarsi tanto che oggi, quel bel gesto di solidarietà si concretizza con l’inaugurazione della nuova sede della Pro Loco.

“Siamo onorati – commenta il Sindaco Cosmo Mitrano – di aver stretto un legame d’amicizia con Fagnano alto e ringrazio per il bellissimo gesto di solidarietà il responsabile della Protezione Civile Aldo Baia, l’imprenditrice Fulvia Frallicciardi e tutti coloro che hanno contribuito alla raccolta fondi per ridare speranza alle popolazioni colpite dal devastante terremoto del 2009”.

“La nuova sede della Pro Loco – aggiunge Mitrano – allestita con la generosità degli amici di Gaeta, è un luogo di aggregazione e promozione turistica della bellissima terra d’Abruzzo, ma soprattutto il simbolo del coraggio di una comunità che ama il suo territorio e lotta per esso”.

La struttura, circa 80 mq. che sorge nella frazione di Ripa, è stata inaugurata sabato scorso, alla presenza del Sindaco di Fagnano alto Francesco D’Amore e del Presidente del consiglio comunale dell’Aquila Roberto Tinari e diversi cittadini intervenuti. Il momento simbolico più forte, quello del taglio del nastro, è stato affidato alla Frallicciardi e Baia in segno di gratitudine per il loro impegno. Un omaggio che hanno voluto rivolgere alla Città di Gaeta così come dichiarato dal Presidente della Pro Loco fagnanese Walter Franco Rosa che ha ringraziato gli “amici di Gaeta i quali hanno sostenuto i nostri sforzi con un gesto davvero importante per Fagnano alto ed i paesi limitrofi perché è importante avere questa sede per un territorio che dobbiamo valorizzare e sviluppare ancora di più”. “I volontari della protezione civile di Gaeta – ha ricordato ad AbruzzoWeb Walter Rosa – hanno assistito la popolazione del nostro comune dopo il 6 aprile e non ci hanno mai abbandonati”. “Ci hanno ospitato a Gaeta – aggiunge il Presidente della Pro Loco fagnanese visibilmente emozionato – per una giornata di festa sulla spiaggia e, a nostra insaputa organizzarono un’asta di quadri raccogliendo 6mila euro che poi ci hanno donato”. “Ed io promisi loro che avrei arredato la nuova sede grazie al loro nobile gesto, e così ho fatto, questo per tutti noi è un sogno che si realizza”.

WILLY DAMASCO “LA DOMENICA CON TE” il nuovo singolo dal 20 aprile in radio e nei digital store

Dopo il successo dei singoli “Milano non sei il mare”, “Vengo a prenderti in centrale”, “Gli anni dell’uni”, decine di migliaia di streaming Spotify e views YouTube e la conquista di Radio Deejay, WILLY DAMASCO, fenomeno indie dall’identità ancora ignota, annuncia l’uscita di un nuovo singolo.

LA DOMENICA CON TE
Dal 20 aprile in radio e nei digital store

Finalmente primavera, primo sole e voglia di vivere.

Puntuale come la Svizzera, arriva la proposta della fidanzata iperattiva: gita fuori porta, mostra in Fondazione, aperitivo e cena sui Navigli.

Trascinato e senza voglia, se non di una Ceres sul divano, Willy rappresenta l’immagine del martire dell’amore. Asseconda di buon grado, fingendo entusiasmo ma morto dentro, dopo aver fatto serata con gli amici.
La Domenica con Te è il nuovo singolo, specchio di una generazione fatta di contrasti o di opposti, che mica per forza si attraggono.
Lei: tanto, troppo. Ma poi perchè?
Lui: Anche meno, grazie.

ASCOLTA LA DOMENICA CON TE SU SPOTIFY
https://spoti.fi/2K2tlX0

Chi è Willy Damasco?

Willy Damasco, esordisce in ottobre 2017 con il singolo “Milano non sei il Mare” che supera in brevissimo tempo sia su Youtube che su Spotify  le 140 mila views e streaming, entrando in Indie Italia e scalando per tre settimane la Viral 50 Italia di Spotify raggiungendo il 5 posto.

Dopo pochissimo Willy Damasco conquista anche Radio Deejay.
Il singolo “Milano non sei il mare” è infatti stato trasmesso per mesi su Tropical Pizza, trasmissione per la quale inoltre, sulle note del ritornello, è stato realizzato il jingle di lancio blocchi del programma.

Stesso trattamento è stato riservato al singolo di natale “Vengo a prenderti in centrale”.
Il nuovo singolo, “Gli anni dell’Uni”, uscito il 9 Marzo accompagnato dal video girato da Andrea Folino (Salmo, Gabbani, Sfera Ebbasta, Marracash/Gué Pequeno) consolida la credibilità artistica di Willy che nel frattempo avvia anche una collaborazione con il dj Kharfi dalla quale nasce il singolo “Fino all’alba”, lanciato in New Music Friday di Spotify, mixato da Fish ed uscito per Doner Music. Il 20 aprile esce “La domenica con te”, il nuovo singolo di Willy Damasco.

Willy Damasco è Willy Damasco.
Generazionale, romantico e irriverente quanto una sbronza.

WILLY DAMASCO SU YOUTUBE

MILANO NON SEI IL MARE https://youtu.be/lUxAUbeEPZA

VENGO A PRENDERTI IN CENTRALE https://youtu.be/lWjN9n2sg60

GLI ANNI DELL’UNI https://youtu.be/iZP1ATz5J40

Facebook https://www.facebook.com/willydamascomusica
Instagram https://www.instagram.com/willydamasco/

TeleRadio Tirreno Centrale is Spam proof, with hiddy