News

Impediscono l’accesso al contatore dell’acqua: sentenza di condanna nei confronti di due utenti.

Il Presidente Addessi: “Ancora una sentenza favorevole in ambito morosità. Dal canto nostro, siamo costantemente impegnati nell’arginare il fenomeno”

Il Tribunale di Latina, nei giorni scorsi, ha emesso ordinanza di condanna nei confronti di due utenti dell’Ato4, in esito a giudizio promosso da Acqualatina. Entrambi gli utenti, al fine di eludere i controlli dei consumi, avevano reso inaccessibile il contatore, ai tecnici del Gestore, ubicandolo in una nicchia chiusa con lucchetto.

Acqualatina ha chiesto, così, la reintegrazione del possesso del contatore. Il Tribunale, dopo aver esaminato i fatti, ha condannato gli utenti a reintegrare immediatamente il Gestore nel possesso del contatore, garantendo l’accessibilità agli operatori. Gli utenti, peraltro, sono stati anche condannati al pagamento delle spese processuali a favore del Gestore, pari a 1.440 euro, in entrambi i casi.

“È spiacevole dover constatare, ancora una volta, che quella legale è l’unica via da seguire per vedere tutelate le nostre ragioni. Tuttavia, è nostro dovere, nonché atto dovuto nei confronti di tutti gli Utenti che corrispondo regolarmente il dovuto, contrastare il grave fenomeno della morosità che, nella zona nord dell’Ato4, mi preme ricordarlo, raggiunge livelli di eccezionalità.

Un lavoro che intendiamo portare avanti quotidianamente, accanto ad una costante attenzione per gli utenti, riservando loro le giuste tutele in caso di difficoltà nei pagamenti e garantendo un servizio di qualità.”

Servizio Comunicazione Acqualatina S.p.A.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

×

Powered by RADIO TIRRENO CENTRALE

× COME POSSIAMO AIUTARTI?