Notizie e Aggiornamenti

Nomi da non dimenticare tra i sentieri della Riviera di Ulisse

In occasione della giornata internazionale contro la
violenza sulle donne di giovedì 25 novembre, l’Ente
Parco Riviera di Ulisse accoglie le iniziative
organizzate dall’Associazione “Mai più Vittima” in
collaborazione con la SSD “Insieme Formia”.
Dall’inizio del 2021 a oggi le vittime di
femminicidio sono più di cento e il nome di ognuna
di loro dovrebbe pesare come un macigno sulle
coscienze di tutti. Per questo i loro nomi sono stati
scritti su alcuni sassi dipinti di rosso con coloranti
naturali e verranno lasciati in piazze, parchi e lungo le strade delle nostre città.
Secondo la Presidente del Parco Carmela Cassetta: “C’è un rischio di normalizzazione, di assuefazione al
numero di femminicidi. Per questo è importante che ognuno di noi incappi di tanto in tanto in una pietra rossa, che
quel colore ci ricordi il sangue che ogni giorno le donne versano è reale e non solo una notizia in coda al
telegiornale”.
Sabato 20 e domenica 28 novembre, prima del match calcistico di Insieme Formia vs Sassari
Calcio i calciatori indosseranno il fiocco della lotta contro la violenza sulle donne e saranno
accompagnati in capo da un gruppo di bambine che porteranno in campo pietre rosse per
sensibilizzare l’opinione pubblica su questa strage tanto attuale quanto dimenticata.
Maria De Tata, responsabile dell’Associazione. Mai più Vittima ci ricorda che: “In 24 ore 3 bambini
sono stati uccisi per mano di un padre violento. È una questione culturale, di educazione al rispetto per l’altro.
Non basta dire No alla violenza. Va estirpata radicalmente. Per fare questo bisogna intervenire sui giovani. Sulle
nuove generazioni. Chi è vittima di violenza non ha nessuna percezione della pericolosità né tantomeno sa che la
sta subendo”
Lungo un sentiero del promontorio di Gianola, proprio il 25 novembre, in occasione di
un’escursione naturalistica, un gruppo di ragazze lascerà lungo il sentiero dei sugheri le pietre
rosse custodi della memoria di chi è morta perché voleva essere libera di autodeterminarsi, libera
di essere sé stessa.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Anti-spam image

×

Powered by RADIO TIRRENO CENTRALE

× COME POSSIAMO AIUTARTI?